il ferro, il neofita sbadato e la fisica amica

Questo è stato scritto venerdì, 3 settembre 2010 alle 01:09..

Cari amici sto scrivendo ancora sotto l’effetto della scarica di adren… (ma chi voglio ingannare? ) sotto l’effetto di strani movimenti intestinali dovuti alla paura.
Oggi appena finito il lavoro sono andato a casa dei miei (dove ho la disponibilità di un pò di attrezzi) per continuare a lavorare sulla modifica alla posizione dei sedili. Arrivata ora di cena mangio, parlo del più e del meno con i miei e verso le 11 di sera decido di tornare a casa.
Da casa dei miei a dove vivo io ci sono circa 7 km di statale, oppure 5 di stradine di campagna che costeggiano il fiume, quindi blocco i mozzi anteriori e decido per i 5.
E’ una strada per lo più di terra battuta o ghiaia, una normale strada di campagna insomma, la conosco abbastanza bene….l’ho fatta un paio di volte di giorno e una volta di notte, ma in bici ci passavo spesso.
C’è solamente un punto un pochino impegnativo per un neofita con le gomme stradali come me, c’è un dosso da superare con due ruote su una “banca” (chiamiamo così i gradoni degli argini).
Parto tranquillo, e arrivo in un punto dove c’è una via per risalire una di questa banche affrontabile senza problemi, salgo e scendo….così tanto per sentire come si va bene con le ridotte. Poi continuo e arrivo su una strada di ghiaia, da una parte sempre i gradoni dell’argine sulla destra con qualche punto dove ripetere il sali e scendi, e sulla sinistra un fossato, senza acqua ma dove ci sta dentro un Ferro intero comodamente.
Mentre guido rilassato su questa strada vedo con la coda dell’occhio un punto interessante da provare, è un dossetto…. praticamente un dosso in mezzo ad un prato, quindi freno, metto la retro, mi dico “cazzo potevan metterci almeno una lucina di retro su sto coso!” poi penso che la strada comunque era dritta e abbastanza larga, e con il prato a destra…..penso quindi “va beh, qui ci atterri con un aereo, cazzo me ne fo della luce per la retro?!”.
Detto fatto, ma quella strada in quel punto fa una luuuuunga e legggggggera curva verso destra, e dopo pochi metri di retro mi trovo con la macchina inclianata dalla mia parte.
Mi sono fermato pensando “ah… il fosso…. sono entrato un pochino…ma non è grave via…mo esce subito” mentre pensavo questo il mio sguardo è caduto sull’inclinometro, e ora so a che serve, serve a farti cagare in mano per niente!
SBAGLIATO!
guardo dal mio finestrino e vedo erba e il fondo del fosso poco più in basso, quardo dal finestrino del passeggero e vedo le stelle!
“Va bene” mi dico, fermo in quella posizione, “Drugo, ragiona su”.
Inizia così la lotta contro la gravità:
Lo_Sbandato vs Fosso pt 1
“la migliore via è quella da cui sono entrato, metto la prima e me ne esco come sono finito dentro!”
Metto la prima, provo dolcemente ad uscire e sento e vedo la parte destra dell’auto alzarsi sempre di più.
“mona! metti l’integrale”
metto l’integrale e riprovo il risultato è lo stesso
“mona metti le ridotte”
metto le ridotte pensando: “ma siam sicuri che vada bene riprovare ancora quella via?”
mi rispondo: “no!”

Pausa

Sono stato fermo in quella posizione, da solo, di notte in un fosso di campagna per un pò a pensare…
“il cellulare, chiamo il mio amico che dev’essere fuori a pesca che venga a darmi una mano…. se si siede sul parafango destro dovrei risolvere….
il cellulare non si trova e intanto complici delle sterzate e dei micro tentativi di sbloccare la situazione, peggiorano in modo sensibile l’aderenza delle mie chiappe al sedile….e da quel che ho letto sui forum fuoristradistici vuol dire che con la minima mossa falsa mi corico sul fianco in un attimo. E per fortuna che l’ho letto, perchè per quel che ne sapevo prima ci si cappotta molto prima!
“ok, stai calmo!”
“ah si certo sono calmissimo!!! l’ho portata a casa a giugno e a luglio la stavo per annegare, e mo a settembre la sto rebaltando come un zimeso*!!! SONO UN MONA!”
*zimeso = cimice in basso veronese
“va bene, dai ora calmati che non è grave, la ruota di destra non fa presa perchè è alta per la pendenza, se tu riuscissi a metterti più perpendicolare alla sponda, non dico che esci….ma almeno non ti corichi in posizione fetale”
Intanto mi accorgo che per rimanere con il culo sul sedile mi sono istintivamente aggrappato alla maniglia della porta del passeggero.
“no va beh, forse c’hai ragione…. è grave, cerca il cellulare e chiama.”
ma il cellulare non si trova!!!

“Sei solo non sai manco come sei messo esattamente con l’auto e se arrivano gli sbirri (si da noi girano anche per i campi) ti tolgono la patente per i due bicchieri di vino bevuti mangiando!”

io ho sempre pensato che è esattamente quando stai nella cacca che tiri fuori il meglio di te…

Dimentico tutto quello detto fin qui tranne l’unica considerazione sensata, metto le ridotte sterzo tutto a destra, lascio il freno e l’auto sta ferma. Ingrano la retro do un filo di gas, e la macchina scivola… una ruota (ant. dx) è alta, le altre slittano e mi fanno inclianare ancora di più…. l’inclinometro sta sull’8 o quasi, e penso che se li finisce la scala ci sarà un perchè!
Ritento la stessa manovra….e l’auto non si muove ma si inclina.
A questo punto mi riattacco alla maniglia del passeggero a pensare: “mo, lo rifaccio e continuo a dare gas, o esce o finisco di muso in fondo al fosso….meglio così che ribaltato!!!”

Detto fatto, mi sono trovato praticamente con il muso piantato sul fondo, ma non so se una buca o cosa mi tiene ancora la ruota destra alzata!

Prendo un pò di coraggio, ri ingrano la retro e comincio a dare gas…..
e il ferro piano piano, ma con il motore a 4000 giri inizia ad uscire: le ruote si sono scavate la corsia nell’erba bagnata e sono arrivate alla terra!
SONO FUORI.
Scendo
Vado a vedere dove cazzo ero finito….

….il fosso è praticamente fondo più della lunghezza del ferro.

A questo punto ritrovo il cellulare, che ovviamente era finito sul pianale addosso alla portiera lato guida.

Vado dal tabacchi di fiducia e noto che si sono procurati il mio tabacco preferito!
compro anche una moretti (che sto bevendo ora) esco e il tabacchi chiude.

considerazioni:
– oggi è una serata fortunata!
– stai attento a quando fai la retro anche in mezzo al nulla
– al Ferro mancano solo i cingoli

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Vita vissuta. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...